domenica 24 aprile 2011

Pubblicità Ikea

Giovanardi ora se la prende con la pubblicità ikea "Gay frendly" sostenendo:

"Credo che molti clienti dell'Ikea non lo riterranno gradevole" e bolla la campagna pubblicitaria come un'entrata "a gamba tesa contro la nostra Costituzione, offensiva e di cattivo gusto".

Il ministro sostiene anche che:

"L'Ikea - prosegue - è libera di rivolgersi a chi vuole e di rivolgere i propri messaggi a chi ritiene opportuno. Ma quel termine 'famiglie' è in aperto contrasto contro la nostra legge fondamentale che dice la famiglia è una società naturale fondata sul matrimonio, ed è usata in quella pubblicità in polemica contro la famiglia tradizionale, considerata datata e retrograda"

Credo che farebbe bene a tacere e a guardarsi in casa propria e soprattutto a quello che combina il premier.

giovedì 21 aprile 2011

Libri di storia 2

«Mussolini non è Saddam, non ha ucciso nessuno»

chissà che nel PDL non intendano questo quando sostengono che:

"Gettano fango su Berlusconi, si crei una commissione". Il ministro: valuteremo la proposta. Il Pd: "Parlano di libertà e non sopportano la libertà e l'autonomia d'insegnamento sancita dalla Costituzione". L'Unione degli studenti: "Censura di stampo fascista"

Vacanze di Pasqua


Tutti in vacanza da Pasqua al Primo maggio. Questa la decisione presa all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo al Senato. Solo alcuni esponenti Pd e Idv protestano. “Ci sono materie urgenti da discutere, come il Documento di economia e finanza – ha detto ieri in aula il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario –. Altri provvedimenti sono fermi al palo da oltre un anno, come il ddl anticorruzione e il ddl sicurezza. Altri ancora, quelli che servono al premier, hanno sempre una corsia preferenziale”. Sulla linea il collega Pd Zanda: “Da tempo il calendario del lavori del Senato è consistentemente ridotto. L'attenzione dell'opinione pubblica è fortemente puntata sui ritmi blandi di lavoro del Parlamento e già questo basterebbe a indurci a essere presenti in aula in modo consistente”. Ma c’è di peggio, aggiunge Luigi Zanda: “La settimana dopo Pasqua si riunirà la Camera dei deputati, la quale esprimerà il proprio parere sul documento di economia e finanza. Vorrei fosse chiaro a tutti che un documento di tale natura che arrivasse dall'Italia alla Ue con l'avviso di una sola delle due Camere avrebbe conseguenze offensive per il Senato”.
(Il Fatto Quotidiano del 20 aprile 2011)

Ora voglio vedere se la Lega si dimostrerà stakanovista, protestando come aveva già fatto per l’istituzione della festa nazionale del 19 Marzo 2011 che celebrava il 150 dell’unità d’Italia. Ma non ci scommetto, perché quando ci sono questioni legate al sentimento nazionale italiano è in prima fila per fare casino. Ma quando c’è da essere seri la lega ci sguazza  nell'attizzare il fuoco della polemica.

mercoledì 13 aprile 2011

Libri di storia

Evidentemente il sacro fuoco del revisionismo arde nei corpi degli uomini e donne del PDL.

Ora mi aspetto che riscrivano i libri di storia dicendo che non era vero che i fascisti usassero il manganello e l'olio di ricino per piegare coloro che non accettavano il regime. O magari che i partigiani di qualsiasi colore politico, anzi meglio quelli comunisti, non erano delle persone che combattevano per liberare il paese dall'oppressione nazi-fascista, ma bensì dei pericolosi terroristi.

Ieri è passato alla camera il processo breve, ancora una volta una legge per salvare B. dal suo passato. Da queste vicende traggo la conclusione che i nostri politici hanno sempre la testa rivolta indietro al passato e invece di tentare di spiegare ai passeggeri cittadini dove vogliono pilotare la nave "Italia", stanno tentando un affrettato rientro nel porto.

mercoledì 6 aprile 2011

Punzecchiature

Matteo Salvini, candidato alla poltrona di vice-sindaco del comune di Milano, ieri sera a Radio 24 a “la Zanzara” ha ripetuto, scandendolo, il "foeura di ball" pronunciato qualche giorno fa da Bossi. Persino un grande Milanese, Alessandro Manzoni, andò a sciacquare i suoi panni in Arno.

martedì 5 aprile 2011

Il bello del nucleare (se qualcosa va storto)

Ai sostenitori del nucleare per scopi civili segnalo la notizia che in Giappone la TEPCO risarcirà la popolazione per i danni dovuti all'inquinamento radioattivo. Come se una manciata di denaro possa mondare persone, flora e fauna dalla contaminazione delle radiazioni che per milioni di anni appesteranno quel territorio.

PS il comune di Namie ha rifiutato l'offerta: i cittadini hanno dichiarato che non intendono accettare elemosine dai loro aguzzini.